Dirigente viola nota amicizia tra Diks e Benalouane su FB e parte il tour de force di visite mediche

diks

Nemmeno il tempo di sbarcare a Firenze e sono iniziate subito le disavventure per il neo acquisto Kevin Diks. Il nuovo dirigente viola per il controllo dei social network, notata l’amicizia tra il laterale olandese e Benalouane, ha messo in allarme lo staff medico gigliato. Scottati dal caso del franco-tunisino, i medici viola si sono immediatamente cautelati, facendo sostenere un tour di visite impressionante al povero Kevin Diks. Infatti dopo averlo prelevato dall’hotel alle prime luci dell’alba, in compagnia di un fantomatico personaggio, tale Ottavio Medicus Sciamano, il difensore si è prima recato a Careggi per le visite di routine, poi in una clinica convenzionata nel centro di Firenze, dove è stato preso in esame il morbo della Zampa d’Oca e del Collaterale Mediale, poi a Brozzi, dove il celeberrimo ”Strologo” ha segnato il malocchio e pure i bachi al neo acquisto, dopo di che a Peretola, dove pare sia stato allestito uno studio medico a spese della Fiorentina, nel quale logopedisti, dentisti, urologi, chiromanti, praticanti di riti Woodo, provenienti da mezzo mondo hanno prima visitato, poi dato il benestare per la firma del contratto.

La signora Elvira, presente al momento del prelievo del giovane difensore da parte dei medici, ci fornisce la sua versione: “Ho visto arrivare 8 medici con 3 ambulanze… hanno prelevato a forza il povero ragazzo mentre ancora si stava imburrando una fetta di pane. Non c’è più rispetto di nulla, s’è anche tagliato con il coltello. Ma dove andremo a finire?” 

Nella foto vediamo proprio lo sventurato difensore che saluta il pubblico una volta superate le visite mediche.

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*