Tifoso fiorentino espone “Un Caco” a Miami: critici entusiasti e grande successo di pubblico

Stefano Ippolito Signorini, in arte STIPSI, autore emergente nel panorama artistico fiorentino e principale rappresentante della corrente della Bio-Art, sta esponendo in questi giorni le sue opere oltreoceano. Contattato direttamente dagli organizzatori dell’Art Basel di Miami, il performer toscano ha mostrato viva soddisfazione per il successo che sta riscuotendo la sua principale installazione: “Un Caco”. Posizionata accanto alla ben più celebre “banana” di Cattelan (“Comedian” il titolo dell’opera, ndr), l’autore tiene a precisare che non si tratta di un’imitazione o di una risposta al collega veneto: “E’ un’opera con un forte carattere autobiografico. Assorbe e riflette le problematiche del momento attuale, orientato verso la contrazione dei consumi determinata dalla crisi economica. Lo stress della vita moderna, la competitività esasperata e la crescente deumanizzazione ci portano sempre più lontani dalle nostre basilari funzioni biologiche. Si tratta inoltre di un’installazione fortemente dedicata al mondo femminile, vero motore trainante dell’auspicato new deal socioculturale”. L’artista ha poi rivelato il suo stretto rapporto con il calcio ed in particolare con la Fiorentina: “Non nascondo che parte dell’ispirazione sia derivata anche dai mie trascorsi in Curva Fiesole. Una rapida visita ai bagni dello stadio basterà certamente a capire perchè ‘Un Caco’. Ringrazio di cuore Rocco Commisso per la visita di ieri e spero che la squadra sappia reagire al delicato periodo che stiamo attraversando. Infine ci tengo in particolar modo a ringraziare il Dott. Falqui per aver fortemente creduto in questa esposizione”.

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*