Corvino si confessa: “Zaniolo? Fui consigliato da Satana”

Sono giorni scottanti per il mondo cattolico nazionalpopolarsovranista. Dopo l’invocazione di Satana da parte di Virginia Raffaele (sul palco di Sanremo) e l’accorato monito di vice-premier Matteo Salvini, anche il direttore Pantaleo Corvino ha qualcosa da dire sull’argomento. Dopo l’assurda doppietta di Zaniolo, con la quale ha steso il Porto in Champions League, non poteva tardare un’assunzione di colpa da parte del poliedrico dirigente salentino: “Confesso di essere stato consigliato da Satana. Quando ho incontrato il padre del ragazzo non ero lucido, mi trovavo in un momento di profondo disagio fisico e mentale. Ero digiuno da quasi due ore e sono inevitabilmente caduto nelle losche trame del Maligno”. Un Lucifero sempre più a tutto tondo, operativo a tempo pieno in ogni ambito, al quale è difficile opporre resistenza e prendere le opportune contromisure. In ogni caso è sempre utile imparare dai propri errori, in modo da migliorarsi costantemente. “Da quel giorno porto sempre in tasca almeno un tramezzino” rivela il DG viola.

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

1 Commento

  1. Corvino hai commesso gravissimi errori, un professionista responsabile dell’area tecnica di una squadra come la Fiorentina non può commettere certi errori, purtroppo ha continuato a farne vedi Mancini, percentuale acquisti sbagliati la più alta della serie A, gestione Badelj sbagliata, per me è da cacciare o affiancarlo dandogli compiti precisi, togliendogli la responsabilità del settore tecnico, in tempi non sospetti ho detto che i danni causati ho detto che Corvino ha fatto danni per più di 200 milioni. DV valutate bene se la viola è gestita bene è una gallina dalle uova d’oro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*