Tozz lancia le “leccaciabatte”, per l’uomo timoroso che teme il cambiamento

Nasce un nuovo prodotto e c’è già aria di mania. Per chi è cresciuto con il dogma “Non accettare caramelle da uno sconosciuto” ed è rimasto traumatizzato dall’epoca in cui le ciabatte che volavano altezza cranio per i corridoi domiciliari erano zoccoli di legno massello, ecco un prodotto pronto a tranquillizzare infantili traumi: La leccaciabatta”.

A produrla è una start up americana, la Tozz, di cui abbiamo sentito il responsabile marketing Marc E-Jano che ci ha spiegato: “Abbiamo una visione e la perseguiamo. Il nostro cliente del futuro non esce di casa, ha paura del mondo esterno, non si fida e teme il cambiamento. La tecnologia lo ha sempre più confinato all’interno della sua zona di comfort dalla quale esce sempre meno volentieri. E’ abituato a comprare dal divano e si accontenta di quello che ha arrivando a smettere di sognare cose che pensa di non poter avere. Ecco dunque l’unione di 2 simboli che riassumono queste caratteristiche: 

  • Le caramelle : il sogno il desiderio, l’obiettivo. Ma anche il contentino, lo zuccherino che tiene buoni e calmi. La sicurezza e la coccola.
  • La ciabatta : il comfort. La tranquillità di trovarsi nel proprio habitat al riparo da tutto e lontano da tentazioni pericolose. Una pantofola che scalda e ci tranquillizza facendoci sentire a nostro agio tra le mure domestiche, lontani dai cambiamenti che ci spaventano.

Una leccaciabatta Tozz è la chiave per fidelizzare i nostri clienti e acquisirne di nuovi. Chi non infila il proprio piede in una comodo pantofola Tozz rischia in fondo di andare scalzo, no?”

“Scalzo o in una scarpa migliore”

“Diciamo scalzo. Sono pur sempre un uomo di marketing”

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*