La Crusca riconosce una nuova figura retorica: la “Fiorentina”

Come ben sanno gli studenti, le figure retoriche sono forme espressive basate su una deviazione dal linguaggio comune, il cui scopo è quello di rendere il messaggio più efficace ed espressivo.

Fino ad oggi si dividevano essenzialmente in tre gruppi: di significato, di parola e di pensiero.

Per meglio comprendere di cosa si parla, ecco un breve elenco (non esaustivo) delle più note.

Figure di significato
Sinèddoche, Metàfora, Eufemismo, Iperbole

Figure di parola
Allitterazione, Onomatopèa, Ellìssi

Figure di pensiero
Antìtesi, Ossìmoro, Similitudine, Allegoria

L’Accademia della Crusca ha codificato un ulteriore gruppo, denominato Figure di Merda, nel quale ha inserito la cosiddetta Fiorentina.

Il prof. Ubaldo Ceccotoccami spiega come riconoscere questa nuova figura retorica: “Consiste nell’affermare perentoriamente una cosa e poi  immediatamente smentirla, negando quanto asserito in precedenza”.

Un esempio classico, da cui è derivata la denominazione Fiorentina: “La società inoltre chiede al tecnico Pioli di gestire questo momento con la competenza e la serietà che ha dimostrato nella prima parte del Campionato” e “Il comunicato fatto dalla Fiorentina era doveroso per chiarire la posizione della Società, e per richiamare tutti al massimo impegno, senza offendere o delegittimare nessuno“.

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*