Centro Sportivo, trovata bottiglia Roveta anni ’50: ARPAT sequestra i terreni

Altra tegola per Rocco Commisso ed il progetto del nuovo centro sportivo a Bagno a Ripoli. Dopo il duro botta e risposta con Pessina, ieri pomeriggio è stata l’ARPAT ad imporre un brusco stop all’avanzamento dei lavori. Durante alcuni sondaggi preliminari, dal terreno è spuntata un bottiglietta Roveta degli anni ’50, presumibilmente di aranciata. La Sorgente Roveta, storica industria di bevande dell’hinterland fiorentino fondata nel 1900, chiuse i battenti nell’ormai lontano 1975 rendendo praticamente introvabili le pregiate bottiglie. Immediato l’intervento dell’Azienda Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana che ha posto sotto sequestro i terreni per verificare la presenza di ulteriori rifiuti d’epoca. In serata è intervenuta anche la Soprintendenza, per bocca proprio di Pessina, che ha espresso forte soddisfazione per la tutela del patrimonio storico e culturale operata congiuntamente da tutti gli enti locali.

La Redazione



NOTA: RuttoSport è un periodico satirico, pertanto le notizie riportate sono frutto della fantasia degli autori e vanno considerate esclusivamente una lettura ricreativa. RuttoSport non è una testata giornalistica e non aspira a diventarlo. Forza Viola e sempre Juve merda!
La Redazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*